antifurto

Che le usiate tutti i giorni per essere più agili nel traffico, o solo ogni tanto per le domeniche al parco, le bici sono sempre a rischio furto. Come evitarlo? Ecco tre consigli TOP!

Se puoi, scegli il palo… ma che sia buono!

In assenza di appositi portabici, bisogna puntare proprio ai pali: in città abbondano e risultano pertanto la situazione più semplice.

Attenzione però: devono essere saldamente collegati al terreno e bloccati nella loro parte superiore, in modo da non poter sfilare la bici una volta legata. Altrimenti ogni accorgimento sarebbe inutile.

Infine, se la bici deve rimanere all’aperto e non custodita diverse ore, lasciatela in un posto frequentato ed illuminato: è un buon sistema per tutelarsi.

Lucchetti, catene o cavi?

  • U-lock: più è piccolo, più è efficace, perché rende molto difficile fare leva al suo interno per essere rotto, ma comunque deve essere abbastanza grande per ‘abbracciare’ palo e telaio della bici.
  • Catene: ce ne sono di tutti i tipi e materiali. Bisogna assolutamente sceglierne una con il grado di protezione massimo, appositamente pensata per la bicicletta e trasportabile.
  • Cavi con lucchetto incorporato: anche quelli di grande qualità, sono comunque più facilmente ‘tagliabili’ rispetto ad uno U-lock o ad una catena. Meglio evitarli.

Ricordate che l’unione fa la forza: è sempre meglio non affidarsi ad un solo sistema, ma combinarne almeno un paio.

Attenti alla sella!

Se la bici ha qualche componente particolarmente rimovibile, come ad esempio la sella, sarà meglio assicurare anche quella al telaio. In alternativa, se potete, smontatela e portatela con voi! Inoltre, voi rubereste una bici senza sella? Ecco, neanche un ladro!

Ricordate infine che, quando legate la bici, è sempre bene legate telaio e ruota posteriore… altrimenti rischiate di ritrovarvi come nella foto all’inizio dell’articolo!